Translate

sabato 27 febbraio 2016

Beata Elisabetta Canori Mora :le sue visioni e rivelazioni (traduzione dal sito spagnolo Catolicismo) CON VIDEO IN INGLESE


Elizabeth pittura, giovane

Un secolo prima di Fatima, la Provvidenza aveva già annunciato le pene
Louis Dufaur
Le visioni e rivelazioni della beata Elisabetta Canori Mora nel contesto del messaggio della Madonna a Fatima: tragedie di previsione e speranze
Il messaggio di Fatima non è un evento isolato nella storia.
Nelle grandi cerimonie - per esempio, una processione dei bei tempi - il personaggio principale (cardinale, vescovo o sacerdote) è preceduta da un corteo gerarchia crescente. Così, il maggiore intervento della Madre di Dio nella Cova da Iria è venuto con  da una serie di messaggi dal cielo, sempre più pressante, attraverso Santi e Beati.
A Fatima, la Madonna ha denunciato la decadenza, che camminava l'immoralità più completa e l'orgoglio più radicale, la cui logica conseguenza è stata una punizione di proporzioni inimmaginabili. Tale declino non iniziata nel 1917. E 'stato il risultato di un processo che è stato dalla fine del Medioevo, un periodo in cui, secondo a Leone XIII, "la filosofia del Vangelo governato gli stati, [...] l'influenza della sapienza cristiana e la sua virtù divina penetrato le leggi, le istituzioni, i costumi dei popoli, tutte le categorie e tutti i rapporti della società civile " .
Si può dire, in primo luogo, che lo spirito delle tenebre che anima questo processo stava comunicando i suoi scopi malvagi attraverso veri messaggeri di iniquità. Esempi sono: Lutero e Calvino, il protestantesimo; Danton e Robespierre, la rivoluzione francese; Marx e Lenin, la rivoluzione comunista; e anche i leader anarchici della rivoluzione di maggio 68. Ai nostri giorni, Lucifero stesso sarà brevettare la roccia, in televisione, nei film e altri media, e anche nei culti satanici aberrante. Davanti ai nostri occhi istituito un contesto culturale sempre più come la cornice ideale per la manifestazione di inferno del re.

Selvaggi Palace (sfondo) in un angolo via del Corso con via di Pietra a Roma, dove la Beata ha vissuto durante gli anni dei suoi primi visioni

Provvidenziale avvertimento al mondo
D'altra parte, fin dall'inizio di questo processo rivoluzionario c'erano molti seri avvertimenti dalla voce di papi, santi e autori controrivoluzionari. E anche il cielo stesso, tramite intermediari privilegiati per la Madonna e suo divin Figlio. Queste rivelazioni anime elite formano un fondo quadro ordinato armonicamente attorno Fatima, il messaggio centralità monarchica, comunicata direttamente alla Madre di Dio.
Cattolicesimo , per il suo stile e la mente logica e razionale - dir sarebbe ignaziano - ispirato al pensiero e personalità unica del Prof. Plinio Corrêa de Oliveira, è contrario a ricerca ansiosa e sconsiderate per le visioni, rivelazioni e fenomeni straordinari, che, purtroppo, in modo diffondono oggi (si veda il cattolicesimo, agosto 1997 Profezie e rivelazioni private - corretto atteggiamento davanti a loro: equilibrio, prudenza e apertura dell'anima ). Ma li apre, in tutta la misura in cui la Chiesa raccomanda, quando si tratta di fatti inequivocabili, adeguatamente documentate, ha esaminato e approvato ufficialmente dall'autorità ecclesiastica. E si apre con una opportuna misura di prudenza per i fenomeni di analisi che non appartengono al quadro di rivelazione ufficiale.
Tra questi fatti, alcuni sono particolarmente coerenti nello spirito e nella forma, con il messaggio di Fatima. Poco conosciuto dal pubblico brasiliano, in questo senso, sono le visioni della Beata Elisabetta Canori Mora (1774-1825).
                                                               VIDEO IN INGLESE DELL'ARTICOLO CITATO.
La Beata Elisabetta li ha scritto di suo pugno in centinaia di pagine indirizzate al suo confessore, oggi gelosamente custodita nel file dei Padri Trinitari a San Carlino, Roma 2 . Alcune circostanze e una copia della prima tappa è venuto a noi. Ma nel 1996, Libreria Editrice Vaticana, con l' imprimatur della diocesi di Roma, ha emesso tale scritto per intero, seguendo l'ortografia e la grammatica italiana di oggi, con adeguatezza lodevole e rispetto dell'originale 3 .
Questi manoscritti possono tormentare più di un fedele po 'diffidente. Teologica Censore, che ha emesso il giudizio 1900/05/11 saggio e nobile, li esenta da errori, ha sentito il bisogno di annullare le obiezioni che potrebbero essere contro le rivelazioni più sorprendenti del Beato, ora venerato sugli altari (vedi tabella seguente).



Giudizio  ecclesiastico sugli scritti della Beata Elizabeth
Su 1900/05/11, il censore ecclesiastico incaricato della Santa Sede per esaminare i manoscritti della Beata Elisabetta Canori Mora emesso giudizio formale, in cui si afferma: "In tutti gli scritti di quel servo di Dio Elisabetta Canori Mora nulla di contrario alla fede e la morale, ma anche non è una dottrina innovativo o pellegrino, o altri per il modo di sentire comune e abituale di nostra Santa Madre Chiesa ".
Tuttavia, egli osserva che si potrebbe presentare obiezioni a "certe visioni e rivelazioni che riguardano soprattutto i prelati più elevati e più piccola di Roma, in cui sono descritti i colori molto carichi e le proporzioni che si sembrano scandalizzare i fedeli, e che sembrerebbe addice sonoranti qualificazione maligni o offensive per pie orecchie ".
Per scongiurare tale obiezione, il censore ecclesiastico spiega, tra le altre cose, che "lamenti di questo tipo, espressi a volte con un linguaggio ancora più vibrante, sono assolutamente nulla di nuovo negli scritti dei Servi di Dio, per la quale, è stato doloroso vedere la corruzione nel popolo, molto di più è stato dover deplorare nelle ministri del santuario. "
Dopo aver spiegato come sarebbe stato difficile cercare di dimostrare di essere false visioni della Beata Elisabetta, e come non sarebbe difficile dimostrare che sono autentici, conclude: "Le parole del Servo di Dio, prima di sonoranti male o offensivo per pie orecchie, deve essere considerato molto utile, specialmente i sacerdoti a leggerli. "
Il censore zelante ha anche espresso l'auspicio che "l'autobiografia del nostro Servo di Dio possa vedere la luce, unica possibile e opportuno" per queste pagine "a molti ben - anime disposte, e non dato a disprezzare le meraviglie di Dio nella i suoi santi, saranno non riescono a essere altrettanto fruttuoso " .
Sacra Rituum Congregatione , beatificationis et canonizationis Ven. Servae Dei Elisabetta Canori Mora. Press Positio super virtutibus, Ex Typographia Pontificia Institute di Pii IX, Roma, 1914. iudicium Censoris Theologial Super Scriptis Ven. Servae Dei Elisabetta Canori Mora.

Breve dati biografici della Beata Elisabetta
Elisabetta Canori è la figlia di Thomas Canori, grandi proprietari terre romane, e Teresa Primoli, signora aristocratica della città dei Papi. Dopo aver ricevuto un'attenta educazione, sposò un giovane avvocato, Cristoforo Mora, figlio di un medico benestante dalla stessa Roma il 1796/01/10. La coppia sono nati quattro figlie, due dei quali morirono in tenera età.
Tutto augurava il nuovo matrimonio un futuro luminoso. Ma la tragedia è venuto presto. Il marito consegnato al furfante, rovinato la famiglia e la casa a sinistra, sedotto da una donna di mala vita. E 'stato arrestato dalla polizia pontificia, prima
in carcere, poi un convento. Ha promesso di cambiare la sua vita, ma dopo il ritorno a casa sua, ha cercato più volte di assassinare sua moglie Elizabeth (su questo argomento, vedere la figura a pag. 29). E 'stata una fedeltà eroica, offrendo il marito enormi sacrifici. E profetizzò che sarebbe morto unprete.
Così è stato. Dopo la morte del Beato, il 1825/02/05, Cristoforo tornò in sé e divenne religiosa, che porta vita esemplare di penitenza. E 'stato ordinato sacerdote e morto circondato da grande considerazione.
Quando abbandonata dal marito, incompresa dalla famiglia, Elizabeth sarebbe caduto in miseria benefattori non tenero hanno aiutato. Tra di loro c'erano romano-prelati, che ha raccontato a Papa Pio VII suoi meriti. Il Pontefice, ha beneficiato dalle preghiere e sacrifici ha concesso alcuni privilegi comuni per la cappella privata della sua umile casa.
La sua causa di beatificazione è stata introdotta nel 1874, durante il pontificato del Beato Pio IX. Pio XI ha approvato le virtù eroiche decreto nel 1928 ed è stato beatificato nel Elisabetta Canori Mora 1994/04/24 da Giovanni Paolo II.

Il Beato con la sorella più giovane, Benedicta.

Come a Fatima, la denuncia del peccato
A Fatima, la Madonna stava preparando lentamente i tre figli di aprirsi alla rivelazione della immensità del peccato commesso dall'uomo e la spaziosità di penitenza che è stato chiesto.
Allo stesso modo, Dio ha agito in relazione alla Beata Elisabetta. Nel 1813 il Natale è stata strappato un luogo inondato di luce dove innumerevoli santi che circondano un'umile mangiatoia. In esso, il Bambino Gesù ha chiamato la sua dolcezza. Elisabetta si descrive senza preoccupazioni letterarie la sorpresa che abbiamo avuto:
"Basta pensare, mi fa orrore. [...] Ho visto il mio amato Gesù immerso neonato nel suo sangue [...] a quel tempo compreso da intellettuale significa che ciò che è stato il motivo di tanta parte del sangue divino bambino appena nato. [...] la cattiva condotta di molti sacerdoti secolare e regolare, molti religiosi che non si comportano in base al loro stato, scarsa istruzione che viene dato ai bambini dai genitori, ma anche per quelli che porta un obbligo analogo. Queste sono le persone il cui esempio buono dovrebbe aumentare lo spirito del Signore nel cuore degli altri. Ma, incontrario, unico nato [lo spirito del Signore] nei cuori dei bambini, ne fanno un caccia mortale con la sua cattiva condotta e cattivo insegnamento. " 4

Miniatura Gesù Nazareno

Complotto contro la Chiesa, rivelato da Dio
Da allora in poi, Dio stava rivelando a lui lo sfortunato atto di alcuni settori ecclesiastici che ha attirato l'ira di Dio, acumpliciados con la rivoluzione che ha rovesciato troni e costumi cristiani laici nell'ordine temporale. Tali visioni di brevetto, un secolo prima delle rivelazioni della Cova da Iria, il male già infiltrato nella Chiesa e nella società civile. Si è visto così che a Fatima la Madonna ha fatto un ultimo avvertimento per questo male che progredito nonostante tutti gli avvertimenti in senso contrario.
Angeli spiritualmente portato alla Beata Elisabetta tane segrete dove è stato tramando questa cospirazione. Ogni volta, nuove aberrazioni che sono stati svelati. In 1814/02/24 stavi mostrate delle scene che ricordano i giorni della crisi in cui viviamo, "Via - le dice - molti ministri del Signore che despojavam l'un l'altro, con rabbia strappato loro paramenti sacri; via viene gettato il altari sacro dai loro ministri di Dio " 5 .
Su 1814/05/22, pregando per il Santo Padre, "l'ho visto viaggiare circondato da lupi che erano trame di tradirlo." 6 Il punto di vista è stato ripetuto il 2 e il 5 giugno. Nel l' ultimo, dice il veggente: "Ho visto il Consiglio di lupi che circondava [Pio VII, allora regnante] e due angeli che piangevano Un santo coraggio mi ha ispirato a chiedere loro il motivo della sua tristezza e lutto Essi contemplando .. la città di Roma con gli occhi pieni di compassione, ha dichiarato quanto segue: `misera città, popolo ingrato, la giustizia di Dio vi punirà '" 7 .

Il Beato venerare la miniatura Gesù Nazareno

"Il mondo intero  nel caos"
Su 1815/01/16, gli angeli lo hanno dimostrato molti chiesa che "sotto ben mantello, perseguitare Gesù Crocifisso e il suo Vangelo," e che "come lupi rabbiosi stavano complottando per rovesciare il capo della Chiesa del suo trono"8 . Poi è stata presa "per vedere i danni crudele che la giustizia di Dio è quello di fare tra quelle infelici: .. Nel succo di terrore, ho visto che intorno a me brillavano raggi del arrabbiato giustizia ha visto gli edifici cadono in rovine di città, province tutto, tutto il mondo era nel caos. non c'era niente ma voci flebili implorando perpietà. il numero dei morti fu incalcolabile " 9 .
Ma ciò che più impressionato il suo è stato vedere Dio adirato. In un luogo molto alto e solitario, vide Dio rappresentato da "un gigante forte e arrabbiato alla fine contro coloro che perseguitarono sue mani onnipotenti erano piene di fulmine, il suo volto era pieno di sdegno. Solo il suo sguardo era sufficiente a bruciare il mondo tutto. non avevo angeli o santi che circundassem, ma solo la sua indignazione lo circondava ovunque. " 10
Questa visione durò solo un attimo. Secondo la beata Elisabetta, "se fosse durato un attimo, di certo sarei morto" 11 . Quanto sopra ricorda la visione dell'inferno dato a Lucia, Francesco e Giacinta. Tra i due viste c'è una profonda correlazione. Mentre il Dio Beato ha espresso la sua indignazione per reati sofferenza, la Madonna di Fatima ha sottolineato il destino delle anime che offendono Dio e muoiono impenitente.
copertura
vari oggetti Elisabetta Canori Mora, esposta nel Convento di San Carlino a Roma

La gravità del peccato del mondo di apostasia
Su 1917/06/13, la Madonna di Fatima ai bambini ha mostrato il suo Cuore Immacolato circondato da spine, segno di "oltraggi ricevere i peccati degli uomini." Nel 1816 il Natale è stato mostrato alla Beata Elisabetta anche come questi oltraggi offendono il Santissimo. Vergine. Può intravedere un limite peccato, può la misericordia di cielo regina non permetterà che venga superato.
La Beata Elisabetta vedeva Maria "triste e doloroso". Poi lei gli ha chiesto il motivo per il vostro dolore. "La Madre di Dio si rivolse a me e disse:` includere, figlia, contempla la grande malvagità "Sentendo queste parole, ho visto che con coraggio apostati hanno cercato di avviare avventatamente il suo Figlio benedetto del suo seno purissimo e le sue braccia santissima. . Dato questo grande tentativo, la Madre di Dio non ha chiesto ulteriori misericordia al mondo, ma la giustizia al Divino Padre Eterno, chi, rivestito la sua giustizia inesorabile e pieno di sdegno, rivolto al mondo che il tempo tutta la natura. ha convulsioni, e il mondo ha perso il suo buon ordine, e si è laureato in terra la più grande disgrazia che può contare o immaginare. qualcosa di così triste e angosciante che lascerà il mondo ridotto fino all'ultimo desolazione " 12 .

Immagine della Madonna di Fatima, nella piazza del Santuario di Fatima

Anteprime predetti e punizioni a Fatima
Il velo che avvolge le pene annunciati nel 1917 in qualche modo è stato sollevato alla Santa Elisabetta. Che lo vide fornisce sovvenzioni per comprendere meglio quello che la Madonna ha predetto dopo la Cova da Iria.
In effetti, il 1815/06/07 Dio gli mostrò ancora una volta, la punizione che ha attirato circa l'umanità questi "lupi rapaci sotto la pelle di pecora [...] accaniti persecutori di Gesù Crocifisso e la moglie di Santa chiesa ". "Mi sembrava - ha scritto - vedere il mondo in subbuglio, in particolare la città di Roma [...] E il Sacro Collegio A causa della varietà di opinioni, alcuni erano stati dispersi, alcuni uccisi, altri spietatamente uccisi.? . Allo stesso modo sono stati trattati clero secolare e della nobiltà. clero regolare non hanno sofferto la dispersione totale, ma è stato decimato. Innumerevoli sono stati gli uomini di ogni condizione che perì in questo massacro, ma non tutti sono condannati. Molti uomini erano di buone maniere e molte altre forme di vita santa " 13 .
In occasione della festa di San Pietro e St. Paul, 1820/06/29, il Beato profeticamente videro il Principe degli Apostoli dal cielo vestito con i paramenti pontificali e circondato da una legione di angeli. Con il suo staff, ha disegnato sulla terra una grande croce, e quattro lati di esso ha assunto quattro alberi verdi, anche la forma della la croce, avvolto in un assolutamente luce brillante. Sotto questi alberi, croci erano "rifugiati e la connessione della tremenda punizione" tutto il bene fedeli e religiosi. "Ma, ahimè e religiosa quelli non in conformità disprezzare le regole sacre, ahimè, ahimè! Perché tutto perire nel terribile flagello. E lo dico in tutta la [...] che si danno alla dissolutezza e andare dopo il massimo di falso La filosofia riprovevole oggi " 14 .
Come gravi minacce potrebbero forse sembrare esagerata in tempi di Be
beata Elisabetta, dove, nonostante l'avanzata di contro - rivoluzione cristiana, erano nella Chiesa molti santi e le anime di virtù illustre. Così, queste parole sembrano dettate più da questa triste il nostro inizi del XXI secolo. Chi, infatti, senza l' ausilio di luci profetiche poteva immaginare che la crisi della Chiesa avrebbe raggiunto il punto raggiunto oggi? In considerazione di ciò, si è capito che Dio ha voluto per manifestare soprattutto la sua ira e indignazione verso la Beata Elisabetta.Ma, purtroppo, sembra che, come a Fatima, il messaggio divino della Beata è stata non adeguatamente presa in considerazione.

Crocifisso oggetto speciale di devozione del Beato

vendetta divina contro i nemici della Chiesa
Perseguire la visione della narrazione, racconta che San Pietro è tornato in cielo. Così in terra "il cielo era coperto con un colore blu scuro, solo per vedere il terrore causato. Un caliginoso vento la faceva sentire il respiro di fuoco in tutto il mondo. con un impetuoso tétrico fischio ululava in aria più feroce leone con il suo ruggito terrificante, reso risuonare su tutta la terra la loro eco spettrale.
"Il terrore e stupore tengono tutti gli uomini e tutti gli animali in uno stato di terrore supremo, tutto il mondo sarà in fermento e uccidere sarà l'uno all'altro, l'altro sarà trounce senza pietà. Al momento della sanguinaria wrestling, la mano vendicatrice di Dio peserà su questi sfortunati, e la sua onnipotenza punire orgoglio, temerarietà e audacia senza vergogna di loro, Dio servirà le potenze delle tenebre di sterminare questi uomini settari, malfattori e criminali che vogliono rovesciare, sradicare la Chiesa cattolica, la nostra Santa Madre, con le loro radici più profonde e gettarlo a terra [...].

ateta certificato sono stati protetti dalla sua croce, quando un colpo sparato incautamente dal marito

"Dio ridere di li e la loro malizia, con una ondata di sua mano onnipotente destra puniranno quelli malvagi, consentendo potenze delle tenebre venire fuori dall'inferno, e questi grandi legioni di demoni a piedi il mondo, e attraverso grandi rovine eseguono gli ordini della giustizia divina, che questi spiriti maligni sono soggetti, per cui non si può fare a meno male che permettono Dio agli uomini, le loro proprietà, le loro famiglie, i loro villaggi miserabili, città , case e palazzi, e qualsiasi altra cosa che si ergono sulla terra [...].
"Dio permetterà questi uomini malvagi sono puniti dalla crudeltà di demoni feroci, perché hanno presentato spontaneamente all'autorità diavolo e confederati con esso per causare danni alla Santa Chiesa Cattolica. [...] Mi è stato mostrato la prigione orrenda l'inferno. ho visto l'apertura in modo più approfondito della terra una grotta buia e terribile, pieno di fuoco, dove, attraverso molti demoni, che ha richiesto circa una figura e un po ', un animale, un altro l' altro uomo, è venuto tutto infestare il mondo e da fare per tutte le misfatti parti e rovine [...]. saranno devastati tutti i luoghi dove Dio è stata e viene oltraggiato, profanato, trattato sacrilegamente, in cui è stato praticato l'idolatria. tutti di questi siti saranno demolito, in rovina, e sarà perso ogni traccia di loro " 15 .
Trionfo  della Chiesa, come previsto a Fatima
Le somiglianze con i tragici annunci della Madonna di Fatima si estendono oltre la punizione. Davanti agli occhi del Dio Beato esposte in molte occasioni una meravigliosa chiesa del futuro restauro. Queste informazioni illustrano aspetti splendidamente di ciò che è di essere il trionfo del Cuore Immacolato di Maria.
Nella stessa visione del 1820/06/29, dopo il castigo purificante descritto, beata Elisabetta ha visto il ritorno di San Pietro dal cielo in un maestoso trono pontificio. Poco dopo, è venuto giù in pompa magna l'apostolo Paolo. Egli "è andato circa il mondo e ammanettato quegli spiriti infernali del male, e ha portato davanti al Santo Apostolo Pietro, il quale, con un ordine completo di autorità, è tornato a confinare loro nelle grotte buie di cui era uscita [...] . ora che abbiamo visto apparire sulla terra una luce bellissima, annunciando la riconciliazione di Dio con gli uomini " 16 .

Manoscritti di Beata Elisabetta

Un piccolo gregge di fedeli cattolici, croce rifugiato sotto gli alberi a forma è stato quindi guidato fino ai piedi del trono di San Pietro. "Il santo ha scelto il nuovo Papa - aggiunge il veggente - la Chiesa intera è stato riordinato in base ai veri dettami del santo Vangelo, sono state ristabilite ordini religiosi, e tutte le case dei cristiani sono diventati tante case penetrati di religione, così grande è stato il fervore e zelo per la gloria di Dio, che tutto è stato ordinato a causa di l'amore di Dio e del prossimo Così ha preso forma nel momento in cui il trionfo, la gloria e l'onore della Chiesa cattolica :. Lei fu acclamato da tutti, stimata da parte di tutti, venerata da tutti, tutti hanno deciso di seguirlo, riconoscendo il Vicario di Cristo, il Papa " 17 .

Santuario di Fatima, in Portogallo

"Cinque eresie infettare il mondo"
Gli ho detto che il nostro Signore nel 1821 inizi: "Ho da riformare la mia gente e la mia Chiesa manderò zelanti sacerdoti a predicare la mia fede, io formeranno un nuovo ministero invierà lo Spirito Santo per rinnovare la terra Reformerò ordini religiosi attraverso .. riformatori nuovi santi e studiosi. Tutte possiedono lo spirito del mio amato figlio Ignazio di Loyola. ti darò un nuovo pastore della mia chiesa, apprese, santa, pieno il mio spirito. Con santo zelo sarà riformare il gregge di Gesù Cristo " 18 . E aggiunge: "Mi ha fatto a sapere molte altre cose di questa riforma Diversi sovrano sostenere la Chiesa cattolica e sono veri cattolici, mettendo i loro scettri e corone ai piedi del Santo Padre, il Vicario di Gesù Cristo regni diversi abbandonano i loro errori e .. tornare al seno della fede cattolica. interi popoli diventano e riconosceranno come vera religione la fede di Gesù Cristo " 19 .

Basilica di San Pietro a Roma, il giorno della beatificazione, 1994/04/24

Dio ti ha fatto vedere diverse volte una nuova nave splendente, simbolo della chiesa restaurata, che veniva armato dagli angeli. Inoltre, il 1824/01/10, gli mostrò il principale ostacolo alla conclusione di questa nave. Vide cinque alberi dimensione eccessiva: " Ho notato che questi cinque alberi con le loro radici nutriti e ha prodotto un boschetto emaranhadíssimo di milioni di piante sterili e selvaggi." Dio gli fece capire che questi cinque alberi enigmatiche simboleggiavano "i cinque eresie che infettano il mondo nel nostro tempo" 20 .

Iscrizione lapide mortuaria della Beata

massime falsità e gli errori diffusi dalla Russia
Su 1824/01/22, la Beata Elisabetta sapeva che quella foresta maledetta rappresentato innumerevoli anime, che, "perché hanno depravato coscienza può essere chiamate senza fede senza religione perché pensano a tutti, meno quello che ogni buon cattolico è obbligato a pensare, perché sono tutt'altro che cosa devono fare. [...] Queste piante miserabili sono prese dal divino Signore non solo a causa di sterili, ma dannoso e male, vale la pena gettato nel fuoco eterno " 21 .Il veggente ha sentito che i cinque eresie allude identificati con la " falsa filosofia massimo del nostro tempo." Massime tale che, secondo a lei, sono stati al centro dei movimenti rivoluzionari del suo tempo, ispirati dallo spirito e le dottrine della Rivoluzione francese. Tali massime guidato l'evocazione che sovvertito la Chiesa e l'ordine socio-politico.
Si è presentato qui ancora un altro rapporto con il messaggio di Fatima. Per questo, la Madonna indicò la diffusione degli errori della Russia - cioè, il comunismo - come punizione a venire, se il mondo non riparare. Ora gli errori comunisti - tra cui le formulazioni più attuali della cosiddetta Rebelde Internazionale 22 , analizzate in diversi articoli in questa rivista - sono conseguenza necessaria e diretta della "massima false" che il Beato.Elizabeth insistenza indicò il cuore del processo di sovvertimento mondo cattolico.
Abbiamo quindi vedere queste immagini e le espressioni un'allusione alla contro -rivoluzione cristiana, così saggio e fortemente denunciato dal Prof. Plinio Corrêa de Oliveira nelle sue opere, e contro il quale il cattolicesimo tiene alta la bandiera della militanza cattolica in questi tempi di defezioni abissali e le aspettative celesti.

Elisabetta Canori urna contenente le reliquie Mora (particolare)

Conferma  delle promesse di Fatima
La Beata Elisabetta chiuse gli occhi su questa terra su 1825/05/02, quasi un secolo prima della manifestazione gloriosa della Madonna di Fatima. Tuttavia, le sue visioni e rivelazioni - che noi qui solo alcuni esempi - sembrano progettati appositamente per la conoscenza dei nostri contemporanei. Essi brevettare il grande disegno divino che sobrepaira storia. Essi mostrano che il Regno del piano di Maria - come profetizzato a Fatima - è come un enorme palazzo che la Divina Provvidenza si sta preparando per secoli. E la cui finitura superare ogni speculazione umana.

Urna contenente le reliquie Elisabetta Canori Mora

Per tutto questo, le visioni e le rivelazioni della beata Elisabetta Canori Mora rafforzano ulteriormente l'idea della centralità del messaggio di Fatima e la certezza del compimento della Madonna 's promessa di tre pastorelli nel 1917: "Infine, il mio Cuore Immacolato trionferà! "
note:
1. Leone XIII, Enciclica Immortale Dei, 1.XI.1885, Bonne Presse, Parigi, vol.II, p. 39.
2. Questo è il manoscritto MS -132.
3. La mia vita nel Cuore della Trinita - Diario della Beata Elisabetta Canori Mora, sposa e madre , Libreria Editrice Vaticana, 1996 765 pp. Imprimatur del Vicariato di Roma, don Luigi Moretti, Segretario Generale, 1995/08/31.
4. "La mia vita nel Cuore della Trinità", op. cit., p. 158-160.
5. Op. cit., p. 164.
6. Op. cit., p. 192.
7. Op. cit., p. 193-194.
8. Op. cit., p. 257.
9. Op. cit., p. 257-258.
10. Id. ibid.
11. Id. ibid.
12. Op. cit., p. 411-412.
13. Op. cit., p. 285-286.
14. Op. cit., p. 489-493.

Io, Suor Faustina Kowalska, vi racconto l'inferno che ho visto

Puntata speciale di Vade Retro su Santa Faustina Kowalska. Titolo: "Io Suor Faustina vi racconto l'inferno che ho visto". Il culto, la devozione, la storia della mistica polacca per la prima volta oggetto di un documentario. Suor Faustina è considerata l'Apostola della Divina Misericordia e a lei si deve la devozione alla coroncina della Misericordia. Conduce David Murgia

WAR ROOM : Miss Clara’s prayer ...con sottotitoli in italiano.

War Room, l’ultima offerta di Alex e Stephen Kendrick, si concentra su una coppia nera dell’alta borghesia il cui lavoro redditizio permette loro di costruire un’attraente facciata pubblica per coprire problemi sempre più profondi nel loro rapporto e nella vita spirituale.

Mentre la coppia arriva sull’orlo del divorzio e della possibile implosione professionale, la moglie incontra una donna anziana carismatica e devota che la convince del fatto che tutti i problemi della coppia non sono altro che attacchi di Satana. Spronata dall’incoraggiamento della donna, la moglie trasforma una stanza della sua casa in una “camera di guerra” (da cui il titolo del film), dedicata alla preghiera, definita nel sottotitolo del film “arma potente”. Quando la fonte spirituale dei problemi della coppia viene svelata e attaccata con la preghiera, le cose iniziano miracolosamente a migliorare.

LA QUARESIMA INSIEME CON GESU'

"Quando uno straniero solitario percorre un paese lontano, gli è penoso, talvolta, di non scorgere da nessuna parte uno sguardo affettuoso, ma di proseguire la sua via come tra i morti. Io sono questo straniero, quando nessun ricordo di Me attraversa le vostre anime, quando le vostre anime sono chiuse e senza vita. Perciò, io vi richiamo attraverso parole,avvenimenti, e circostanze. 
Molti dicono: “E’ un caso”. 
Io cerco chi dica : “E’ Lui”! (Gabrielle Bossis) )





Guardare a Lui per imparare qualcosa di noi
Non abbiamo bisogno di altro.
Un corpo a corpo con parole come LA CROCE,CAMMINO E GIOIA,che in realtà hanno bisogno di essere capite sempre di nuovo alla luce di Gesù.
Digiuno che significa fare "spazio a Qualcuno" nella nostra vita.
Preghiera che significa "nel silenzio,lasciarsi Guardare da Lui".
Carità che significa "che noi siamo il prossimo di Dio",che si fa prossimo per gli altri.

Accetta ogni nuovo giorno come un dono

Accetta ogni nuovo giorno
Come un dono e, se possibile, come una festa.
Guardati subito allo specchio, sorridi alla tua immagine
e dì a te stesso.”Buongiorno”,
così sarai allenato per dirlo agli altri.
Se conosci gli ingredienti del sole,
puoi prepararlo tu stesso,
proprio come il pranzo quotidiano.
Prendi una dose abbondante di bontà,
aggiungi una bella presa di pazienza,
pazienza con te stesso e con gli altri.
Non dimenticare un pizzico di umorismo,
per digerire gli insuccessi.
Mescolaci una buona quantità
di voglia di lavorare,
versa su tutto un grosso sorriso
e avrai ogni giorno il sole!.
(Bosmans Phil)

Questa mendicanza si chiama normalmente preghiera". .(Don Giussani)

Dobbiamo chiedere la forza del Padre, la forza di Dio. La forza di Dio è un uomo, la misericordia di Dio ha nella storia un nome: Gesù Cristo.. Noi dobbiamo chiedere Gesù! «Vieni, Signore Gesù. Vieni, Signore» è il grido che sintetizza tutta la storia umana, la storia del rapporto tra l’uomo e Dio . Dobbiamo pregare. È una mendicanza, non è una forza, ma l’estrema debolezza..... l’espressione estrema della consapevolezza della debolezza che è in noi. La coscienza della nostra debolezza diventa mendicanza. La mendicanza è l’ultima possibilità di forza adeguata al nostro destino perché rende l’uomo adeguato al destino. Questa mendicanza si chiama normalmente preghiera". .(Don Giussani)

sabato 20 febbraio 2016

ESAME DI COSCIENZA per la Celebrazione del Sacramento della Confessione (seguendo i Dieci Comandamenti)


Domande preliminari:

Da quanto tempo non ti confessi bene? - L’ultima volta hai detto tutti i peccati gravi
commessi? - Nelle confessioni passate hai mai nascosto volutamente qualche peccato
mortale? - Da quanto tempo non ricevi la comunione? - L’hai ricevuta sempre bene? - Ti
sei accostato alla comunione avendo sulla coscienza dei peccati mortali senza esserti
prima confessato? - Hai mai profanato l’Eucaristia commettendo un sacrilegio? - Hai
mancato di rispetto al SS. Sacramento accostandoti alla comunione senza avere
osservato il digiuno prescritto, parlando, ridendo, senza preparazione e senza pensare a
Chi stavi per ricevere? - Fai qualche penitenza il venerdì? - Sai vivere con austerità
soprattutto nei giorni comandati dalla Chiesa? - Hai mangiato carne nei venerdì di
quaresima? - Hai fatto digiuno il mercoledì delle ceneri e il venerdì santo? - Hai aiutato la
Chiesa, sovvenendo alle sue opere (missioni, seminari, sostentamento del clero ecc.)?

Quesiti circa i dieci comandamenti:
1 - Non avrai altro Dio fuori di me
Credi in Dio, Padre e Salvatore tuo e di tutti gli uomini? - La tua vita è orientata a Dio? - Lo
ami come figlio? - Lo hai messo al primo posto tra i valori della tua vita? - Credi nel Padre,
nel Figlio, nello Spirito Santo? - Preghi mattina e sera? - Vivi le virtù cristiane della Fede,
speranza e carità? - Consideri la Fede come un dono prezioso da coltivare? - Ti impegni a
crescere nella Fede? - Sei convinto della tua religione cattolica? - Ricerchi e accetti la
volontà di Dio nella tua giornata, soprattutto nei momenti difficili? - Hai messo in pericolo la
tua Fede leggendo libri, riviste, articoli contrari alla Fede, a Cristo, alla Chiesa? - Cerchi di
conoscere, di approfondire e di farti spiegare le verità della Fede cristiana? - Hai parlato
male della religione, del Papa, dei sacerdoti? - Hai allontanato qualcuno dalla pratica
religiosa? - Speri nell’amore di Dio oppure ti scoraggi e disperi davanti alle difficoltà della
vita, imprecando e ribellandoti? - Sei superstizioso? - Porti addosso amuleti, portafortuna,
oggetti scaramantici? - Credi davvero all’oroscopo? - Sei andato da indovini, maghi,
chiromanti, fattucchiere? - Hai partecipato a sedute spiritiche?
2 - Non nominare il nome di Dio invano
Hai rispetto e amore per il nome di Dio e della Madonna? - Hai testimoniato con coraggio
la tua Fede? - Hai bestemmiato? - Hai fatto affermazioni false o eretiche su Dio, quali per
esempio: “Dio non fa le cose giuste”, “Dio è crudele”, “Dio è cattivo”, “Dio si diverte delle
sofferenze degli uomini”, “Dio si dimentica dei buoni” ecc.? - Hai raccontato fatti e
barzellette blasfeme? - Hai fatto giuramenti falsi o illeciti o senza necessità? - Hai
mantenuto i voti e le promesse fatte?
3 - Ricordati di santificare le feste
Le 24 ore della domenica e dei giorni festivi costituiscono “il giorno del Signore”: le hai
rese sante con la preghiera, compiendo opere buone, coltivando i valori sacri della vita
(famiglia, amicizia, cultura, natura, solidarietà, pace ecc.)? - Ti sei liberato dalla fatica del
lavoro, godendo della libertà del figlio di Dio? - Hai lavorato pur potendo farne a meno? -
Hai partecipato alla Messa, vivendo un’ora assieme agli altri credenti? - Alla Messa ti sei
distratto, hai chiacchierato, hai disturbato gli altri? - Hai dedicato gratuitamente agli altri (al
di fuori della tua parentela) un po’ del tuo tempo, delle tue capacità? - Hai fatto del
volontariato?
4 - Onora il padre e la madre
Hai amato, rispettato, ubbidito, aiutato i genitori secondo le tue possibilità? - Sei stato
gentile e disponibile in famiglia? - In casa collabori e condividi la vita con i tuoi? - Crei
serenità, comunione, conversazione con gli altri o li fai vivere nella solitudine e nel
silenzio? - Ti impegni per l’educazione dei figli? - Vegli sulle loro amicizie, giochi,
divertimenti, letture? - Ti senti responsabile della scuola che frequentano? - Dai loro
l’esempio di una vera vita cristiana? - Preghi insieme con loro in famiglia? - Rispetti gli
anziani, le donne, i bambini; i superiori, le autorità? - Ubbidisci con lealtà alle leggi dello
Stato? -Compi i tuoi doveri di buon cittadino? - Capisci il valore del partecipare alle
votazioni pubbliche? - Hai votato secondo coscienza, in coerenza con i tuoi principi
cristiani? - Hai mai venduto il tuo voto per interessi privati? - Sei iscritto ad associazioni
che hanno finalità immorali?
5 - Non uccidere
Consideri la tua vita come un dono di Dio, del quale tu non sei padrone assoluto, ma
amministratore? - La rispetti con la moderazione nel cibo, nelle bevande, nel fumo? - Ti
concedi il giusto riposo? - Fuggi l’alcolismo, la droga? - Hai spacciato droga? - Sei
prudente nel guidare l’automobile? - Hai messo mai in pericolo la tua vita o quella degli
altri? - Hai curato opportunamente la salute tua e dei tuoi cari? - Ti sforzi di amare gli altri
come te stesso, e soprattutto come Dio li ama? - Hai fatto agli altri ciò che vuoi che venga
fatto a te? - Sei accogliente e solidale, soprattutto con chi ha meno di te? - Sei invidioso? -
Coltivi sentimenti di odio, rancore, vendetta? - Hai litigato? - Rispetti e aiuti chi è più
debole nella società: malati, portatori di handicap, anziani, bambini, poveri? - Sei razzista?
- Hai perdonato le offese ricevute? - Hai fatto, procurato, consigliato l’aborto, uno dei
peccati più gravi al cospetto di Dio e della Chiesa? - Hai ucciso qualcuno? - Hai mai usato
violenza? - Hai inflitto percosse, hai procurato ferite o malattie a qualcuno? - Possiedi,
conservi, usi armi pericolose e offensive? - Sei stato crudele con gli animali? - Hai
imprecato o augurato del male ad altri? - Hai dato scandalo con il tuo modo di vestire, di
agire, di parlare? - Sei stato occasione di peccato per qualcuno?
6 - Non commettere atti impuri
Sul corpo, sull’amore, sulla sessualità, sulla castità hai una concezione cristiana? - Hai
conservato puro e casto il tuo corpo? - Hai commesso atti disonesti, osceni, immorali? - Ti
sei abbandonato alla lussuria, all’autoerotismo, a perversioni sessuali, all’omosessualità? -
Hai frequentato orge? - Hai avuto delle “avventure”? - Hai sedotto o disonorato qualche
persona innocente? - Eviti le occasioni e le compagnie cattive o pericolose? - Hai
conservato la tua fedeltà alla fidanzata o al fidanzato? - Hai rapporti prematrimoniali? - Nel
matrimonio hai il senso cristiano del sacramento ricevuto? - Ami, rispetti, aiuti con
generosità il tuo coniuge? - La tua vita sessuale è sempre espressione d’amore, di
donazione totale e feconda? - Hai commesso adulterio? - Hai usato male o abusato del
matrimonio non osservando la legge di Dio e l’insegnamento della Chiesa? - Hai praticato
in qualche modo la contraccezione? - Leggi o guardi giornali, riviste, libri, spettacoli
osceni? - Segui e gusti racconti, film, romanzi pornografici? - Contribuisci allo sviluppo e
alla diffusione della pornografia comprando materiale osceno? - In casa tieni statue
oscene, o poster e immagini pornografiche? - Pensi o parli della donna (o dell’uomo) come
se fosse solo oggetto di piacere? - Aiuti, incoraggi la fedeltà di altre coppie?
7 - Non rubare
Sei convinto della parola del Vangelo che “è impossibile per chi è attaccato al danaro
entrare nel Regno di Dio”? - Sai che l’avarizia, per la Bibbia, è “idolatria”, cioè adorazione
del danaro al posto di Dio? - Sei usuraio? - Hai prestato soldi con eccessivo interesse,
rovinando persone bisognose già in difficoltà? - Sei onesto nel lavoro, nella professione, in
ufficio, nel commercio? - Quello che possiedi l’hai guadagnato onestamente? - Ti sei
appropriato di beni della comunità o di altri? - Credi di lavorare lealmente in modo da
meritare lo stipendio mensile? - Hai perso tempo sul lavoro? - Ti sei assentato dal lavoro
senza vera necessità? - Hai preteso regalie, bustarelle, favori non dovuti? - Hai chiesto
raccomandazioni per ottenere vantaggi e privilegi? - Sei convinto che la disonestà degli
altri non giustifica mai la tua? - Oltre ai tuoi diritti hai pensato anche ai tuoi doveri? -
Rispetti i diritti degli altri? - Nelle rivendicazioni, anche giuste, tieni conto anche del bene
comune? - Hai fatto scioperi ingiusti? - Tu, datore di lavoro, paghi il giusto stipendio ai
dipendenti? - Frodi lo Stato? - Paghi con giustizia le tasse? - Rispetti quanto appartiene
alla società: strade, mezzi di trasporto, luoghi ed edifici pubblici? - Hai procurato danni
all’ambiente, a monumenti, a proprietà pubbliche o private, sporcando e imbrattando? -
Hai riparato o risarcito i danni fatti? - Hai restituito il danaro o altre cose avute in prestito? -
Ti vendi per ottenere favori o vantaggi? - Hai frodato le compagnie di assicurazione
dichiarando danni falsi e facendoti pagare ingiustamente? - Ti sei sempre assunto le tue
responsabilità? - Hai praticato giochi d’azzardo? - Sei dedito al gioco, danneggiando la
famiglia? - Hai falsificato assegni? - Hai spacciato coscientemente danaro falso? - Hai
acquistato merce dichiaratamente rubata?
8 - Non dire falsa testimonianza
Sei falso, sleale, ingannevole? - Con le tue parole inganni il prossimo? - Hai detto bugie,
menzogne? - Hai proferito giudizi avventati? - Hai accusato ingiustamente il tuo prossimo?
- Parli male degli altri? - Fai pettegolezzi? - Hai giurato il falso? - Testimoniando hai fatto
deposizioni false? - Col tuo esempio hai insegnato a mentire ai tuoi figli, agli altri? - Con un
silenzio colpevole hai coperto fatti delittuosi (= omertà)? - Hai calunniato? - Hai diffamato
qualcuno mormorando? - Hai riparato a eventuali diffamazioni o calunnie?9 - Non desiderare la donna (o uomo) d’altri
Hai custodito la modestia e il pudore nella tua vita e nei tuoi pensieri? - Hai una mente
“pulita”? - Hai guardato donne (o uomini) con concupiscenza? - Ti sei compiaciuto
volontariamente di pensieri o desideri impuri? - Cerchi con una moda sconveniente o con il
modo di comportarti di suscitare in altri desideri, turbamenti, eccitamenti cattivi? - Capisci
che ciò è una violenza morale e uno scandalo?
10 - Non desiderare la roba d’altri
Ti lamenti sempre di quello che hai, dicendo “Beati loro...!”? - Ami il lusso e lo sfarzo? -
Disprezzi il valore evangelico della povertà? - Sei invidioso dei beni e delle cose altrui? -
Auguri del male e godi del male degli altri? - Come vivi quello che Cristo ha insegnato: “
Beati i poveri in spirito”?

CASTELLO INTERIORE di S.Teresa d'Avila -Le seste mansioni (prima parte)

6. Seste Mansioni - Fidanzamento Spirituale (PARTE 1)

INTRODUZIONE:
Le Seste e le Settime dimore occupano più di metà dell'Opera scritta da Santa Teresa e sono interamente dominate dal "simbolismo sponsale", considerato sia nella sua fase preparatoria (il "fidanzamento spirituale"), che nella sua fase conclusiva, quella del "matrimonio spirituale".

Nelle Seste dimore lo Sposo divino "adatta" a sé l'anima, purificandola radicalmente e illuminandola di verità. Nel "fidanzamento spirituale" Dio e l'anima si scelgono reciprocamente in maniera definitiva, quindi deve essere bruciato e purificato tutto ciò che potrebbe inquinare la totalità e la purezza di questo amore. Infatti le Seste dimore si aprono paradossalmente con un periodo di sofferenze indicibili che mirano a togliere all'anima ogni altra certezza, ogni altro amore, ogni altra speranza che non sia "Dio solo". In questa condizione Dio sta operando per far sì che l'anima, destinata a diventare sua sposa, si liberi da ogni altro legame e da ogni impurità.

Quando avviene il "fidanzamento", dunque, la carne è debole, ma lo spirito va rafforzandosi sempre di più…….. Quanta forza sa donare l'Amore nascostamente!



TESTO:
Con l'aiuto dello Spirito Santo, veniamo ora a parlare delle seste mansioni, nelle quali l'anima, già ferita dall''amore dello Sposo, cerca con maggior cura di starsene in solitudine, sfuggendo, per quanto il suo stato glielo permette, tutto ciò che la potrebbe distrarre. L'anima, dunque, è fermamente decisa di non prendere altro sposo. Ma lo sposo, invece di guardare all'ardore con cui ella desidera che si celebri il fidanzamento, vuole che i suoi desideri si rendano più intensi, e che quel bene, superiore a ogni bene, le costi almeno qualche cosa.
Credo utile descrivervi alcune pene che qui si soffrono, e che io conosco assai bene. Certo che non tutte le anime sono condotte per questa strada. Tuttavia, quelle che Dio favorisce di tali cose di cielo, sia pure ad intervalli, è mio parere che, in un modo o in un altro, debbano andar soggette alle sofferenze della terra: mormorazioni, infermità molto gravi, pene interiori… Prima di darsi a lei totalmente, lo Sposo la fa sospirare a lungo, usando certi mezzi molto delicati che la stessa anima non comprende, e che io non penso di saper spiegare se non per farmi intendere da chi già ne ha l'esperienza.

Si tratta di certi impulsi che procedono dal profondo dell'anima, così delicati e sottili da non aver paragoni neppure per darne un'idea. Spesso, quando meno si pensa e neppure si è occupati di Dio, Sua Maestà scuote l'anima come per un colpo di tuono o a guisa di cometa che passi rapidamente. Non si sente alcun rumore, ma l'anima intende che Dio l' ha chiamata, e lo intende così bene che alle volte, specialmente sul principio, trema ed esce in lamenti, benché nulla le dolga. Sente di essere stata ferita,…
ma non sa da chi, né in che modo. Però riconosce che è una ferita preziosa e non vorrebbe guarirne. Pare che lo Sposo, dalla settima mansione ove risiede, faccia sentire la sua voce senza dire parola.
Talvolta, ad esempio, mentre si prega vocalmente, senza alcun pensiero di cose interiori, par di sentire, tutto a un tratto, una certa soave infiammazione, simile a un profumo molto delizioso che ci investa d'improvviso, diffondendosi per tutti í sensi.
Se adopero questo paragone, è per far intendere che lo Sposo è presente e che muove l'anima a un dolcissimo desiderio di goderlo, per cui essa rimane disposta a grandi atti e a impiegarsi tutta nel lodarlo. Bisogna ricevere questo favore rendendo grazie!
Ecco un altro modo con cui Dio suole eccitare le anime. Sembra una grazia superiore alle precedenti; ma siccome può andar soggetta a maggiori pericoli, ne voglio parlare un po' più a lungo. Si tratta di certe parole che Egli dice all'anima e che possono essere di diverso genere. Alcune sembra che vengano dal di fuori, altre dall'intimo più segreto dell'anima, altre dalla sua parte superiore, ed altre dall'esterno, in modo da udirle con le orecchie del corpo e da sembrare che siano dette con voce articolata. Per giudicare se tali parole vengano da Dio, i segni più sicuri sono i seguenti. Il primo e più rassicurante è la sovrana potenza che quelle parole hanno in sé. Il secondo segno è che l'anima rimane in una grande quiete, e in una disposizione che la porta a lodare Iddio. Il terzo segno è che queste parole non escono di mente neppure dopo moltissimo tempo. Alcune poi non si dimenticano mai.

Iddio parla anche in un altro modo, per via di visione intellettuale. Il fatto si svolge nel più intimo dell'anima: con l'udito dell'anima s'intende il Signore che pronuncia delle parole, ma in un modo così chiaro e segreto da non dovervi temere alcuna ingerenza diabolica, sia per la maniera con cui s'intende, come per gli effetti che ne vengono e che ci permettono di crederlo. Se non altro si ha la sicurezza che ciò non viene dall'immaginazione, e questo per per le ragioni seguenti:

- Anzitutto, per la differenza che vi è in fatto di chiarezza, tanto che dalle parole di Dio non si può togliere una sillaba senza che ce n'accorgiamo, ricordandoci perfino se ci furono dette in questa o in quella maniera, mentre le parole dell'immaginazione non sono né chiare, né distinte, ma come mezzo sognate.
- Poi, perché spesso non vi si pensa neppure: vengono all'improvviso, anche in mezzo a una conversazione.
- Inoltre, nelle locuzioni di Dio l'anima è come una persona che ode, mentre in quelle dell'immaginazione è come una che compone a poco a poco quel che desidera di udire.
- Le parole, poi, sono molto differenti: con una sola di Dio si comprendono più cose che non sappia comporne l'intelletto in così breve spazio di tempo.
- Infine, spesso, mentre si percepiscono, si comprende assai di più di quello che esse significano, benché senza suoni e in un modo che io non so spiegare.

Intorno a questi modi di intendere, alcune persone hanno avuto dei dubbi, con il timore che si tratti di fantasie. Ma l'anima consideri attentamente se, dopo, si ritenga migliore: infatti quando vengono da Lui, più il favore è grande e più l'anima si umilia, più ricorda i suoi peccati, più dimentica i suoi interessi, più si applica con memoria e volontà a procurare l'onore di Dio. Se i doni e i favori dell'orazione producono questi effetti, l'anima deponga ogni dubbio e confidi nella misericordia di Dio che è fedele, e non permetterà mai al demonio d'ingannarla.

Tuttavia, è bene andar sempre con timore.



War Room (Steve Curtis Chapman)...colonna sonora del film e scene

                                         La stanza della battaglia è la stanza della preghiera

Ritiro di Quaresima Padre Antonio Sicari 14 Febbraio 2016 Adro (Brescia)

Questi sono alcuni miei appunti presi durante la meditazione di P.Antonio:
Nella croce l'incarnazione di Cristo subisce la massima estensione.
Gesù è preghiera vivente,tutta dono e tutta amore
Gesù:"Non potete andare in nessun luogo,fare nessuna esperienza,provato ogni disperazione
senza che Io non l'abbia sperimentato"
Nessuno può dire ora :"Io sono perduto.Qui Dio non C'è"

1)Prima parola di Gesù in croce ..Padre mio perdona loro perchè non sanno quello che fanno!
E' l'estremo della misericordia del Signore,Gesù scusa il peccato..ma non pensiamo per questo di essere intelligenti...ignoriamo,siamo ignoranti.
2)Oggi sarai con me in Paradiso.....E'l'estensione massima del tempo..OGGI "A me baste un minuto per fare un Santo"--il buon ladrone..il primo con Gesù in Paradiso.
3)Dio mio,Dio mio perchè mi hai abbandonato?.....E' l'inizio di un salmo....E' l'estremo della disperazione,ma finisce in un abbandono IN Dio ,non DI Dio
4)Donna ,ecco tuo Figlio..Figlio ecco Tua Madre :Gesù ci ha affidato sua Madre..La Madre ha sofferto per tutti noi.
5)Ho sete!  :I Santi hanno sentito questo grido di Gesù.
Gesù ha sete di me-Noi abbiamo sete di Lui-dobbiamo prenderci cura di chi ha sete.
6)Tutto è compiuto! :Ora tutto è a posto!Tutto è stato sistemato!.......queste parole colpiscano il nostro cuore..
7) Padre,nelle tue mani,affido il mio Spirito!......Gesù dà a noi il Suo Respiro
    Questo è l'estremo di ogni nostra giornata....Signore,nelle tue mani affido il mio Spirito..ogni sera.

Nella condizione più estrema,queste ultime parole di Gesù ci restino nel cuore e accendano in esso una fiamma che ci riscaldi la vita.

martedì 9 febbraio 2016

Scuola di Cristianesimo con Padre Antonio Maria Sicari :Pregare,un avvenimento plenario.

C. PEGUY

Il portico del mistero della seconda virtù





«Gesù Cristo, bambina, non è venuto per dirci frivolezze,                (Jn 10,10)

Capisci, non ha fatto il viaggio di venire sulla terra,                        (Jn 1,14)

Un grande viaggio, detto tra di noi

(E stava così bene là dove era).                                                        (Ph 2,6)

(Prima di venire

Non aveva tutte le nostre preoccupazioni).                                                                                                                                

Non ha fatto il viaggio di scendere sulla terra

Per venire a contarci indovinelli

E barzellette.

Non c’è il tempo di divertirsi.

Lui non ha messo, non ha impiegato, non ha speso

I trentatré anni della sua vita terrestre

Della sua vita carnale,

I trent’anni della sua vita privata,

I tre anni della sua vita pubblica,

I tre giorni della sua passione e della sua morte,

(E nel limbo i tre giorni del suo sepolcro),

Non ha messo,

non ha impiegato,

non ha speso tutto questo,

I suoi trent’anni di lavoro e i suoi

tre anni di predicazione e i suoi

tre giorni di passione e di morte,

I suoi trentatré anni di preghiera,

La sua incarnazione, che è propriamente il suo incarnamento,

La sua messa in carne e incarnale,                                                   (Jn 1,14)

la sua messa in uomo e la sua messa in croce

e la sua messa nella tomba,

La sua messa nel carnale

e il suo supplizio,

La sua vita d’uomo

e la sua vita d’operaio

e la sua vita di prete

e la sua vita di santo

e la sua vita di martire

La sua vita di fedele,

Che La sua vita di Gesù,

Che

Pervenire in seguito (nello stesso tempo) a contarci frottole.

Non ha messo, non ha impiegato, non ha speso tutto questo.

Non ha fatto tutta questa spesa

Considerevole

Per venire a darci, per darci in seguito

Degli indovinelli

Da indovinare

Come uno stregone.

Facendo il furbo.

No, no, bambina, e Gesù non ci ha neanche dato delle parole morte

Che noi dobbiamo chiudere in piccole scatole

(O in grandi).

E che dobbiamo conservare in (dell’) olio rancido

Come le mummie d’Egitto.

Gesù Cristo, bambina, non ci ha dato delle conserve di parole

Da conservare,

Ma ci ha dato delle parole vive

Da nutrire.

Ego sum via, veritas et vita

Io sono la via, la verità e la vita.                                                        (Jn 14,6)

Le parole di (della) vita,

le parole vive non si possono conservare che vive,

Nutrite vive,
Per nulla conservate ammuffite in piccole scatole di legno o di
cartone.
Come Gesù ha preso, è stato costretto a prendere corpo, a
rivestire la carne
Per pronunciare queste parole (carnali) e per farle intendere,
Per poterle comunicare,
Così noi, ugualmente noi, a imitazione di Gesù,
Così noi, che siamo carne, dobbiamo approfittarne,
Approfittare del fatto che siamo carnali per conservarle, per
scaldarle, per nutrirle in noi vive e carnali,
[…]
Come una madre carnale nutre, e fomenta sul suo cuore il suo
ultimo nato,
Il suo lattante carnale, sul suo seno,
Ben posato nella piega del suo braccio,
Così, approfittando del fatto che siamo carnali,
Dobbiamo nutrire, abbiamo da nutrire nel nostro cuore,
Con la nostra carne e col nostro sangue,
Col nostro cuore,
Le Parole carnali,
Le Parole eterne, temporalmente, carnalmente pronunciate.
Miracolo dei miracoli, bambina, mistero dei misteri.
Perché Gesù Cristo è divenuto nostro fratello carnale
Perché ha pronunciato temporalmente e carnalmente le parole
eterne,
In monte, sulla montagna,
È a noi, infermi, che è stato dato,
È da noi che dipende, infermi e carnali,
Di far vivere e di nutrire e di mantenere vive nel tempo
Quelle parole pronunciate vive nel tempo».

Nutrite, portate, scaldate, calde in un cuore vivo».

UN GENEROSO AGIRE DA' CARNE ALLA PAROLA.....