Translate

martedì 29 novembre 2011

La domanda su Dio è risvegliata dall’incontro con chi ha il dono della fede, con chi ha un rapporto vitale con il Signore. Dio viene conosciuto attraverso uomini e donne che lo conoscono: la strada verso di Lui passa, in modo concreto, attraverso chi l’ha incontrato

http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-con-dio-o-senza-diotutto-cambia-3740.htm

Commento al discorso di Benedetto XVI del 25 Novembre al Consiglio Pontificio per i laici

Sainte Thérèse de l'Enfant Jésus, Ta Face est ma seule Patrie.. (Il tuo Volto è la mia sola ricchezza),

      
 
CANTICO AL SANTO VOLTO (S.Teresa di Lisieux)
 
La tua immagine ineffabile,Gesù,
è la stella che guida i miei passi!
Tu lo sai bene, il tuo dolce Volto
è il mio Cielo quaggiù.
Io vorrei, per consolarti,
vivere nascosta e solitaria;
la bellezza che tu veli
mi apre il suo mistero.
 
Per me sola patria il tuo Volto,
e mio regno d'amore il tuo Volto,
prato ridente,
dolce sole di ogni giorno!
E' il giglio di valle, il tuo Volto, il suo profumo misterioso consola
l'esilio dell'anima mia
con la gioia della pace del Cielo!
 
Il tuo Volto è la mia sola ricchezza,
nulla di più io domando
e nascondendomi nel tuo Volto,
Gesù, io ti assomiglierò!
Lascia in me la divina impronta
dei tuoi tratti pieni di dolcezza.
Diverrò presto santa, attirando i cuori a te!
 
                   

     DOVE C'E' L'AMORE, LI' CI SONO OCCHI CHE SANNO VEDERE... (P.Mauro)

CON PROFONDITA' E TENEREZZA ,IL VOLTO DI GESU' CI FA RECUPERARE NELLA VITA UNA PROFONDITA' DIVERSA,UNA PROFONDITA' CHE METTE IN GIOCO IL PROPRIO CUORE......IL VIDEO,IL CANTO E LA SUA TRADUZIONE CI POSSONO AIUTARE...


domenica 27 novembre 2011

Là voglio andare.......disse Gesù.....

Luce, Pace, Amore di L. Housman

La pace guardò in basso
e vide la guerra,
"Là voglio andare" disse la pace.

L'amore guardò in basso
e vide l'odio,
"Là voglio andare" disse l'amore.

La luce guardò in basso
e vide il buio,
"Là voglio andare" disse la luce.

Così apparve la luce
e risplendette.

Così apparve la pace
e offrì riposo.

Così apparve l'amore
e portò vita.

Natale durerà per tutto l’anno (Testo di H.van Dike per introdurci nell'Avvento in questo momento di crisi...))


Siete disposti a dimenticare quel che avete fatto per gli Altri
e a ricordare quel che gli altri hanno fatto per Voi?
A ignorare quel che il mondo vi deve
e a pensare a cio' che voi dovete al mondo?

A mettere i vostri diritti in fondo al quadro,
i vostri doveri nel mezzo
e la possibilità di fare un po’ di più del vostro
dovere in primo piano?

Ad accorgervi che i vostri simili esistono come voi,
e a cercare di guardare dietro i volti per vedere il cuore ?
A capire che probabilmente la sola ragione
della vostra esistenza non e'
cio' che voi avrete dalla Vita,
ma ciò che darete alla Vita?                                                   

A non lamentarvi per come va' l’universo
e a cercare intorno a voi
un luogo in cui potrete seminare
qualche granello di Felicita'?
Siete disposti a fare queste cose
sia pure per un giorno solo?

Allora per voi Natale
durerà per tutto l’anno.

 (di Henry van Dike)

 Aiutiamoci in questo Avvento ad arrivare a questo traguardo...

Vieni ,Signore Gesù! Inizio Avvento MEC...frase citata e dipinto come sfondo

Non siamo il prodotto casuale e senza senso dell’evoluzione. Ciascuno di noi è il frutto di un pensiero di Dio. Ciascuno di noi è voluto, ciascuno è amato, ciascuno è necessario. Non vi è niente di più bello che essere raggiunti, sorpresi dal Vangelo, da Cristo. Non vi è niente di più bello che conoscere Lui e comunicare agli altri l’amicizia con lui."  (Papa Benedetto XVI 25 Aprile 2005)

IL LUPO NELLA STEPPA (HERMAN HESSE)...LIBRO COMPLETO IN PDF

http://www.altrestorie.net/libri/Hesse%20-%20Il%20Lupo%20Della%20Steppa.pdf           clicca qui

 Troverai nel libro la frase citata da P.Gino alla giornata di Inizio Avvento del 27 novembre ad Adro (seguirano approfondimenti)


 "Per questo mondo odierno, semplice,comodo, di facile contentatura, tu hai troppe pretese, troppa fame,ed esso ti rigetta perché hai una dimensione in più. Chi vuol vivere oggi e godere la vita non deve essere come te o come me. Chi pretende musica invece di miagolio, gioia invece di divertimento, anima invece di denaro, lavoro invece di attività, passione invece di trastullo,per lui questo bel mondo non è una patria..." pag.83 del libro "Il lupo della steppa"

 A questa affermazione del libro voglio accostare le parole di  S.Teresa di Lisieux:

Per me sola patria il Tuo Volto, e mio reame d’amore, prato ridente e dolce mio sole quotidiano. […] Il Tuo Volto è la mia sola ricchezza: non voglio nulla di più. Nascondermi in Lui senza tregua, Gesù, ti assomiglierò. Segnami con la Divina impronta dei Tuoi lineamenti colmi di dolcezza, e subito diventerò santa, e capace d’attirarti i cuori».



Padre Gino ha citato anche van Gogh e il suo disperato bisogno di Dio,parlando di un suo ultimo dipinto(prima di suicidarsi) in cui ha dato a Gesù il suo volto...Ecco il dipinto..


Figlio di un pastore protestante, Vincent, come è noto si allontanò alla fede cristiana convenzionale, creandosi però una sorta di religione personale, fondata sui Vangeli.     Nel disperato tentativo di essere utile, Van Gogh a un certo punto comprese cha anche come artista poteva servire Dio. 
Così scriveva, in una Lettera ad Emile Bernard, il 23 giugno del 1888:
Unicamente Cristo, tra tutti i filosofi e i maghi, ha elevato a sicurezze supreme la vita eterna, l'infinità del tempo, la futilità della morte, la necessità e il senso della serenità e della dedizione. Ha vissuto serenamente, come l'artista più grande tra tutti gli artisti...
Raramente, egli dipinse soggetti biblici.  E questo non perchè non lo interessassero ma proprio all'opposto perchè temeva di essere inadeguato, e di scivolare nel triviale e nel rozzo.  E l'unica volta che osò raffigurare una scena evangelica, la Pietà, lo fece rielaborando un'opera altrui che riteneva sublime, quella di Delacroix.
 E quando dipinse questo quadro, nella impossibilità di realizzare un 'adeguato' volto del Cristo, scelse di farlo utilizzando i propri lineamenti.
 

sabato 26 novembre 2011

Gesù,il desiderato Amore di Giulia Gabrieli...sete di amore che rende eterni ed è eterno... incontro che dà gioia nel dolore

http://it.gloria.tv/?media=216774

  Giulia a soli 14 anni è morta a causa di un tumore, è successo il 19 agosto proprio quando, durante la Gmg di Madrid, si concludeva la Via Crucis dei giovani. Eppure la storia di Giulia è straordinaria, perché questa ragazza è riuscita a trasformare la sua difficile e dolorosa malattia in un inno alla vita, intraprendendo un cammino spirituale molto forte e intenso. Video completo

giovedì 24 novembre 2011

COME UNO SCHIANTO..., GESU'. Testimonianza dell'attrice Claudia Koll

http://www.zenit.org/article-28744?l=italian

Clicca sull'indirizzo per leggerla..


nel video, la descrizione del suo cambiamento nella vita,
dopo le domande.....l'Incontro  e le scelte.

IL DESIDERATO DI TUTTE LE GENTI...GESU' CRISTO

Incontro tenuto da Padre Mauro sul libro di Scuola di Cristianesimo 2011-2012  "Figlio di Dio,figlio dell'uomo" di Padre Antonio Maria Sicari

Fino a quanto io ho la consapevolezza che Cristo è l'unica cosa che desidero?
La domanda che Padre Mauro ci ha posto è giunta qalla fine della sua meditazione sulle pagine 10.11.12.13.14 del libro.
Chi il mio cuore desidera? Gesù viene definito il DESIDERATO DI TUTTE LE GENTI, la sua universalità non si comprende se non si capisce che ogni sentimento,ogni idea,ogni volontà,ogni energia,ogni speranza,ogni dolore,ogni gioia traggono vita dal SUO CUORE.
Chi non conosce Gesù lo desidera senza saperlo,chi lo conosce può crescere sempre più nel desiderio di Lui.
Oggi Gesù Cristo si fa incontrare sopratutto suscitando la domanda atrofizzata di senso religioso dell'uomo moderno.
Chiediamo la grazia di questo INCONTRO per noi       stessi e per tutti , un incontro che può passare dalla fraternità della nostra compagnia.                             
                                                                                                                                                                                                                                                           Gesù, il desiderato di  S.Teresa di Lisieux

lunedì 21 novembre 2011

Il Cristianesimo è una persona. Cristo...Card.Giacomo Biffi

 
http://www.santacroceaquinto.it/messaggio/biffi/biffi.htm


Questa presentazione non convenzionale della figura di Gesù nasce da una conferenza "a braccio" del Cardinale Giacomo Biffi, arcivescovo di Bologna, raccolta dal giornalista Davide Perillo, tenuta in un luogo inconsueto: il Consiglio Comunale di un comune della fascia periferica di Bologna.
La semplicità e l'immediatezza del testo è tale da incantare. scaturisce dallo zelo apostolico dell'autore, che è Pastore d'anime, ma il lettore attento non faticherà a riconoscervi il rigore robusto del teologo.

Premessa: ho accettato l'invito a parlare di Gesù Cristo perché è Lui il cuore, il vertice, la sintesi dell'annuncio evangelico: questo non dobbiamo mai dimenticarlo .
Il Cristianesimo è una persona. CristoI1 Cristianesimo, in sé, non è una concezione della realtà, non è un codice di precetti, non è una liturgia. Non è neppure uno slancio di solidarietà umana, né una proposta di fraternità sociale. Anzi, il Cristianesimo non è neanche una religione. È un avvenimento, un fatto. Un fatto che si compendia in una persona. Oggi si sente dire che in fondo tutte le religioni si equivalgono perché ognuna ha qualcosa di buono. Probabilmente è anche vero. Ma il Cristianesimo, con questo, non c'entra. Perché il Cristianesimo non è una religione, ma è Cristo. Cioè una persona.,,,,,,,, 
CONTINUA CLICCANDO SULL'INDIRIZZO  INTERNET .....
http://www.santacroceaquinto.it/messaggio/biffi/biffi.htm

domenica 20 novembre 2011

Video e discorso significativi del Viaggio in Benin del Papa Benedetto XVI:

        
                                
DISCORSO AI BAMBINI  
 
........Quando io faccio la comunione, Gesù viene ad abitare in me. Devo accoglierlo con amore e ascoltarlo attentamente. Nel profondo del mio cuore, posso dirgli per esempio: «Gesù, io so che tu mi ami. Dammi il tuo amore così che io ti ami e ami gli altri con il tuo amore. Ti affido le mie gioie, le mie pene e il mio futuro».
Non esitate, cari bambini, a parlare di Gesù agli altri. Egli è un tesoro che bisogna saper condividere con generosità. Nella storia della Chiesa, l’amore di Gesù ha riempito di coraggio e di forza tanti cristiani e anche dei bambini come voi!
Così, san Kizito, un ragazzo ugandese, è stato messo a morte perché voleva vivere secondo il Battesimo che aveva ricevuto. Kizito pregava. Aveva capito che Dio è non solo importante, ma che è tutto.

Che cos’è la preghiera? È un grido d’amore lanciato verso Dio nostro Padre con la volontà di imitare Gesù nostro fratello. Gesù si ritirava in disparte per pregare. Come Gesù, anch’io posso trovare ogni giorno un luogo calmo in cui mi raccolgo davanti a una croce o ad una immagine sacra per parlare a Gesù e ascoltarlo. Posso anche usare il Vangelo. Poi conservo nel mio cuore un passo che mi colpisce e mi può guidare durante la giornata.

Restare così un po’ di tempo con Gesù, Gli permette di riempirmi del suo amore, della sua luce e della sua vita!

Questo amore che ricevo nella preghiera, sono chiamato a donarlo a mia volta ai miei genitori, ai miei amici, a tutti quelli con cui vivo, anche a coloro che non mi amano, e anche a coloro che non apprezzo molto. Cari bambini, Gesù vi ama! Chiedete anche ai vostri genitori di pregare con voi!

A volte, bisogna spingerli un po’. Non esitate a farlo. Dio è così importante!
La Vergine Maria, sua Madre, vi insegni ad amarLo sempre più attraverso la preghiera, il perdono e la carità. Vi affido tutti a Lei, come pure i vostri familiari e i vostri educatori.

Guardate! Tiro fuori un rosario dalla mia tasca. Il rosario è come uno strumento che si può utilizzare per pregare. È semplice pregare il rosario. Forse lo conoscete già, altrimenti chiedete ai vostri genitori di insegnarvi.

Del resto, alla fine del nostro incontro ciascuno di voi riceverà un rosario.
Quando lo avrete in mano, potrete pregare per il Papa, per la Chiesa e per tutte le intenzioni importanti. E ora, prima che io vi benedica tutti con grande affetto, preghiamo insieme un’Ave Maria per i bambini del mondo intero, specialmente per quelli che soffrono la malattia, la fame e la guerra.

Ora preghiamo: Ave Maria,…

sabato 19 novembre 2011

Gesù caro fratello...canzone di Claudio Baglioni

GESU',IL DESIDERATO DI TUTTE LE GENTI

Pregare su queste immagini ( white block.....)


Perchè l'odio si scatena alla fine su Dio?







                                                                                      "Perdonali ,o Madre,perchè non sanno quello che fanno"