Translate

sabato 16 settembre 2017

Il grande cardinale Cafarra....ci mancherà....

C'era una volta una persona che era talmente stolta che, quando si alzava alla mattina, non riusciva mai a ritrovare i suoi vestiti. Alla sera, non si decideva mai ad andare a dormire sapendo che poi al mattino avrebbe fatto fatica a ritrovare i suoi vestiti. Finalmente una sera trovò la soluzione: prese penna e carta e annotò il luogo dove deponeva il vestito. La mattina tirò fuori allegramente il suo taccuino e lesse: "la camicia", eccola e se la infilò e così via, fino a che ebbe indossato tutto. "Si, ma io dove sono?" si chiese allora ansiosamente. Invano cercò, cercò e non riuscì a trovarsi.                                (Gesu'Cristo ci ha detto una grande cosa: l'uomo ritrova se stesso solo attraverso il dono di sé.
L'uomo oggi sa tutto sui suoi vestiti, cioè su ciò che è più esterno al suo mistero. E su se stesso? )
(il grande Card.Cafarra in una sua meditazione)

Costruiamo sulla Roccia!

"Chiunque viene a me e ascolta le mie parole e le mette in pratica, vi mostrerò a chi è simile: è simile a un uomo che, costruendo una casa, ha scavato molto profondo e ha posto le fondamenta sulla roccia. Venuta la piena, il fiume investì quella casa, ma non riuscì a smuoverla perché era costruita bene.
Chi invece ascolta e non mette in pratica, è simile a un uomo che ha costruito una casa sulla terra, senza fondamenta. Il fiume la investì e subito crollò; e la distruzione di quella casa fu grande».(Vangelo di oggi)

Costruire la propria casa sulla sabbia vuol dire riporre le proprie speranze, certezze su cose instabili  che non reggono all’urto del tempo e dei rovesci di fortuna. Tali sono il denaro, il successo, la stessa salute. L’esperienza ce lo mette ogni giorno sotto gli occhi: basta un nonnulla – un piccolo grumo nel sangue, diceva il filosofo Pascal – per far crollare tutto.
Costruire la casa sulla roccia, vuol dire, al contrario, fondare la propria vita e le proprie speranze su ciò “i ladri non possono rubare, né la tignola corrodere”, su ciò che non passa. “I cieli e la terra passeranno, diceva Gesù, ma le mie parole non passeranno”.
Costruire la casa sulla roccia significa molto semplicemente costruire su Dio. Egli è la roccia. Roccia è uno dei simboli preferiti dalla Bibbia per parlare di Dio: “Il nostro Dio è una roccia eterna” (Is 26,4)
La casa costruita sulla roccia esiste già; si tratta di entrarci! È la Chiesa. Non, evidentemente, quella fatta di mattoni, ma quella composta dalle “pietre vive” che sono i credenti, edificati sulla “pietra angolare” che è Cristo Gesù. La casa sulla roccia è quella di cui parlava Gesù quando diceva a Simone: “Tu sei Pietro e su questa pietra (alla lettera, roccia) edificherò la mia Chiesa” (Mt 16, 18).Costruiamo dunque la Chiesa,nella Chiesa,per la Chiesa...  e noi amici in Cristo lo siamo!Buon lavoro nelle opere che facciamo insieme e una preghiera per queste.....Buona giornata!☺





domenica 20 agosto 2017

La storia di Milly Gualteroni

Un libro che consiglio di leggere!
https://it.aleteia.org/2017/08/04/milly-gualteroni-fede-battere-depressione/

Chiara Corbella..la sua testimonianza sulla Verità dell'amore : Essere dono


Chiara Corbella
La sua testimonianza
https://m.youtube.com/watch?v=8ISI6QYgfDM#

Rivelazione a San Bernardo della Piaga incognita della Sacra Spalla di Nostro Signore Gesù Cristo aperta dal peso della Croce


San Bernardo, Abate di Chiaravalle, domandò nell'orazione a Nostro Signore quale fosse stato il maggior dolore sofferto nel corpo durante la sua passione.
Gli fu risposto: “Io ebbi una piaga sulla spalla, profonda tre dita, e tre ossa scoperte per portare la croce. Questa piaga mi ha dato maggior pena e dolore più di tutte le altre e dagli uomini non è conosciuta. Ma tu rivelala ai fedeli cristiani e sappi che a tutti quelli che per amore di Essa mi onoreranno con tre Padre Nostro, Ave e Gloria al giorno, perdonerò i peccati veniali, non ricorderò più i mortali, non morranno di morte subitanea e in punto di morte saranno visitati dalla Beata Vergine conseguendo ancora grazia e misericordia”.
Orazione di S. Bernardo sulla Piaga della Sacra Spalla di N.S. Gesù Cristo
† Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.
Dilettissimo Signore Gesù Cristo, mansuetissimo Agnello di Dio, io povero peccatore adoro e venero la Santissima Vostra Piaga che riceveste sulla spalla nel portare la pesantissima Croce al calvario e nella quale restarono scoperte tre Vostre Sacratissime ossa, tollerando in essa un immenso dolore: vi supplico in virtù e per i meriti di questa piaga di avere di me misericordia col perdonarmi tutti i peccati, sia mortali che veniali, di assistermi nell'ora della morte e di condurmi al Vostro Regno beato.
Pater, Ave e Gloria
Pater, Ave e Gloria
Pater, Ave e Gloria

Scuola di cristianesimo del Movimento Ecclesiale Carmelitano :Assemblea conclusiva 2016-2017

Qui troverai il video dell'assemblea conclusiva dell'anno ....siamo al capitolo terzo del libro della scuola di Cristianesimo:La verità dell'amore https://www.youtube.com/watch?v=tzB9GfKF8Sc&sns=em

Siti di notizie che ogni cattolico dovrebbe seguire..

http://www.amicidilazzaro.it/index.php/i-10-siti-di-notizie-che-un-cattolico-dovrebbe-seguire/